Come scommettere sull’ippica: informazioni e consigli

È molta diffusa l’espressione “datti all’ippica” per suggerire a qualcuno di lasciar perdere l’attività in corso e darsi a qualcosa di più semplice.

Mai espressione fu più fuorviante. L’ippica non è per nulla semplice e le scommesse sull’ippica non sono per nulla facili. Sono così tante le variabili in gioco che i neofiti spesso ne rimangono spaventati.

Le scommesse sull’ippica non sono facili ma non bisogna comunque lasciarsi spaventare dal primo sguardo. Entrando attentamente in questo vasto mondo si può diventare in breve padroni almeno dei concetti principali.

Vediamo qui di seguito alcune peculiarità di questo mondo e i dettagli a cui è bene porre attenzione prima di iniziare la nostra carriera da scommettitore di ippica.

La corsa ippica

Per padroneggiare a menadito le scommesse in questo ambito e per muoversi in generale nel mondo ippico sarebbe importante innanzitutto prendere confidenza con il lessico tipico del settore e con alcuni concetti di base.

Iniziamo con il dire che l’esito di una corsa ippica può essere influenzato da una moltitudine di elementi, tali da trasformare un cavallo favorito in uno ampiamente sfavorito.

Per questo prima di una gara bisogna essere estremamente informati e consapevoli di tutti gli aspetti coinvolti. In una gara ippica entrano in gioco davvero tante componenti ed ognuna ha la sua importanza.

Per prima cosa, se vogliamo piazzare una scommessa con consapevolezza, bisognerà senza dubbio analizzare l’andamento stagionale del cavallo e del fantino. Conoscere i risultati di un determinato cavallo e del suo fantino ti darà molti elementi su cui ragionare.

Estremamente importante per una corsa ippica è sicuramente la variabile meteo e tutti gli annessi e connessi. Un terreno più lento agevolerà alcuni cavalli rispetto ad altri. Viceversa un terreno più veloce sarà più adatto alle caratteristiche di altri cavalli.

Uno scommettitore esperto in questo settore non ha fretta e sa che lo studio delle gare è di fondamentale importanza per ottenere delle vincite.

Infatti nella testa di un bravo scommettitore ippico le domande da porsi prima di piazzare la scommessa vanno a costituire un elenco sterminato:

Come si presenta il tracciato su cui prende le mosse la corsa? È una corsa piatta o ad ostacoli? Parliamo di trotto, galoppo o trotto montato?

Il cavallo quanti anni ha? Le sue ccondizioni fisiche? Le sue specialità di corsa, i suoi risultati in condizioni meteo simili? Ed il fantino? Ha già gareggiato con quel cavallo, quali sono i suoi risultati su tracciati simili? Nelle ultime gare che risultati ha ottenuto?

Ognuna di queste domande deve assolutamente ricevere una risposta prima di passare alla scommessa. Ognuno di questi elementi deve essere valutato con attenzione prima di decidere a quale cavallo affidare il nostro destino.

Proprio per la necessità di queste conoscenze spesso i neofiti si allontanano immediatamente dal mondo dell’ippica. Questo settore delle scommesse non è per pigri.

In realtà nel mondo delle scommesse in generale è fondamentale conoscere e studiare gli eventi su cui si andrà a scommettere, diciamo che nell’ippica questa necessità è particolarmente marcata.

Scommettere sui cavalli

Una volta che abbiamo ben chiare tutte le variabili, le abbiamo ben soppesate, valutate e rivalutate, giungeremo a scegliere uno o più cavalli per la nostra scommessa.

A questo punto si tratta di piazzare la scommessa, ed anche questo non è un aspetto da sottovalutare.  

Per farlo bisognerà andare a scegliere un bookmaker online che offra anche scommesse ippiche. In questa fase è bene porre attenzione anche ai bonus di benvenuto che fanno sempre comodo.

Esistono diversi siti molto affidabili su cui potrai fare le tue puntate ippiche ma a volte conviene aprire più di un conto in contemporanea anche per diversificare le scommesse.

Una volta che avrai creato il tuo account su un sito affidabile per le scommesse potrai accedere alla miriade di opportunità che i bookmaker mettono a disposizione degli scommettitori ippici.

Davvero le offerte in tal senso sembrano non finire mai, sia per i neofiti sia per gli scommettitori più esperti. È questo un mondo che non ristagna mai e offre sempre nuove opportunità.

Le più note tipologie di scommesse ippiche

Come in ogni sport anche qui ci sono alcune tipologie di scommesse che contraddistinguono e caratterizzano il mondo dell’ippica. Anche a questo riguardo il neofita dovrà prendere dimestichezza con il lessico relativo a questo campo.

Non conoscere il significato delle varie tipologie di scommesse blocca sul nascere qualunque nostra velleità di pronostico. Come possiamo piazzare scommesse senza capire il meccanismo della scommessa stessa?

Prendiamo dunque ad analizzare le più note tipologie di scommesse ippiche attualmente sul mercato, al fine di dare un’idea più chiara dei meccanismi che sottostanno alle gare ippiche.

Quinté +

La Quinté+ è una delle tipologie di scommesse più apprezzate e che trova un grande favore popolare. Ad un primo sguardo può sembrare estremamente facile ma non bisogna sottovalutarla.

Bisogna essere buoni conoscitori di tutti gli elementi che più sopra abbiamo riportato per poterla effettuare conservando una buona speranza di successo.

La semplicità dello schema non significa che il nostro approccio dovrà essere superficiale. Tutt’altro!

Per piazzare una Quinté+ sarà necessario individuare 5 cavalli che hanno buone probabilità di andare a vincere la gara o comunque di andare a ricoprire i primi 5 posti.

Con questa tipologia di scommessa è possibile arrivare al successo anche avendo indovinato soltanto i primi 4 cavalli, 4 dei primi 5 cavalli, o i 3 primi classificati.

La Quinté+ offre molto spesso dei montepremi milionari ed è un buon punto di partenza per un neofita che vuole farsi le ossa. Ma è anche fortemente utilizzata dagli scommettitori più esperti.

Questo tipo di scommessa per essere effettuata ha un deposito minimo, ovvero 2 Euro.

Quarté +

Questo tipo di scommessa viene offerta soltanto una volta al giorno e si basa sull’ordine di arrivo dei primi 4 cavalli. Si potrà vincere anche non indovinando l’ordine di arrivo esatto. 

È una tipologia di scommessa molto tecnica che solitamente è molto utilizzata dai giocatori più esperti.

In alcuni siti sono presenti bonus che vi consentiranno di vincere anche con solo 3 cavalli indovinati. Solitamente il deposito minimo richiesto è superiore a quello della Quinté+.

Tris

La vera regina dell’ippica. Una delle più note tipologie di scommesse non solo del mondo ippico ma di tutto il mondo delle scommesse sportive.

Anche qui si tratta di indicare, in ordine o meno, i primi 3 cavalli al traguardo in una determinata corsa. Anche in questo caso c’è un’esclusiva quotidiana: la corsa Tris si disputa una sola volta al giorno

La minima puntata per questo tipologia di corsa è 1 Euro.

Sistemi e possibilità di Handicap

Al fine di creare equilibrio sulle quote di ogni cavallo nelle scommesse ippiche, gli organizzatori delle stesse hanno creato un vero e proprio sistema di handicap.

Ovvero un sistema in grado di stabilire un certo vantaggio per alcuni cavalli. A tal fine esiste un incaricato che ha il gravoso compito di fare analisi e stabilire gli handicap.

Gli handicap sono creati seguendo alcuni criteri che potrebbero essere utili anche agli scommettitori.

  • Esperienza del fantino
  • Prestazioni precedenti
  • Tipi di corsa
  • Età del cavallo

Il fattore peso

È importante anche sapere che nel regolamento è presente una rigida disciplina per quanto riguarda il peso nelle corse piatte o ad ostacoli. Ovviamente ci riferiamo al peso del fantino che viene rigidamente controllato e tenuto di buon conto.

Il peso del fantino infatti deve essere compreso tra 46 e 54 kg per 1,55m per le corse piatte. Il limite invece è fino a 60 kg per 1,60 m – 1,70 m per le corse ad ostacoli.

I fantini sono inoltre soggetti ad altre restrizioni che tralasceremo per evitare lungaggini e dati non necessari allo scommettitore neofita.

La distanza

Per rendere emozionante ed efficace la partenza i cavalli sono disposti su diverse linee e partono tutti nello stesso attimo. 

L’emozione che offre una partenza in una corsa ippica è qualcosa di davvero incredibile e consigliamo a tutti di assistervi almeno una volta dal vivo.

Nelle corse al trotto, se consideriamo i risultati precedenti ci accorgeremo che un cavallo ha un vantaggio rispetto ad un altro è anche possibile aggiungere a questo vantaggio ancora margine per i cavalli migliori. Questa distanza ulteriore può essere di 25 metri o anche di 75 metri supplementari. 

Le corse ippiche più conosciute nel mondo

Le corse ippiche sono popolari fin dall’antichità ma nel mondo moderno ce ne sono alcune che sono diventate così leggendarie da aver reso note alcune competizioni anche a chi di ippica non sa assolutamente nulla.

Tra questi grandi classici dell’ippica vanno assolutamente annoverate alcune grandi competizioni che hanno oramai legato il loro nome al mito.

In Italia senza dubbio non si può parlare di ippica senza menzionare una curiosa gara che va avanti da secoli, il famosissimo Palio di Siena che viene seguito dagli appassionati di tutto il mondo.

In Inghilterra, terra molto preziosa per l’ippica, gli eventi da tenere sempre in considerazione sono due: Cheltenham Festival e il Grand National a Liverpool.

Per quanto riguarda la terra di Francia ha raggiunto senza dubbio l’immortalità del mito il Grand prix d’Amerique. Negli Usa invece il classico dei classici dell’ippica è senza dubbio il Kentucky Derby. Non va certo dimenticata in questo elenco la Melbourne Cup in Australia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *